Pagine

Bits and Chips si occupa da anni con amore e dedizione di hardware, gaming, software, e più recentemente anche di smarthpone e tablet. Insomma di tecnologia a tutto tondo.

In uno scenario che cambia più velocemente dell'alternarsi delle stagioni è ormai realtà consolidata, anche tra i non addetti ai lavori, la parola App, che sta per applicazione, ossia un programma da installare sui dispositivi mobili come smartphone e tablet che ha il compito di rendere per qualche verso più semplice la vita di chi ha scelto di installarlo.

E' nostra abitudine addentrarci nei "meandri" della tecnologia, di non accontentarci mai di fermarsi ad analizzare l'apparenza. Lo facciamo con i nostri articoli e con le interviste che abbracciano i settore hardware e software sia consumer che professionali. Insomma cerchiamo sempre di capire cosa ci sia "dietro".

Anche a proposito delle App, quindi, ci siamo posti lo stesso interrogativo. E la risposta, nella maggioranza dei casi è stata una startup, ossia una giovane azienda, spesso "abitata" da giovani menti che altrettanto spesso opera in un settore innovativo. La culla di questo fenomeno sono stati gli USA. Ci sono casi di startup innovative di grande interesse anche "al di qua dell'oceano". Una è l'italiana Atooma, capace di piazzarsi al primo posto nel 2012 al concorso per la migliore applicazione del mondo. 

 Atooma-logo

Nella sua variante consumer/free Atooma è un’applicazione per automatizzare le operazioni del nostro smartphone, combinando le sue diverse funzioni (interne o esterne) secondo una logica basata sul principio di condizione e causa. Il team italiano chiama questa logica con il termine "IF-DO", in realtà si tratta di una reinterpretazione della nota istruzione "IF-THEN" portata ad un livello di programmazione più semplice e per questo accessibile a tutti. Grazie ad un'interfaccia grafica molto intuitiva possiamo ad esempio dire al nostro dispositivo di ricevere le notifiche delle mail tramite i comandi vocali se stiamo guidando, oppure disabilitare il modulo WiFi se stiamo uscendo di casa ... e così via. L'utente può sbizzarrirsi nel combinare le diverse feature del proprio terminale, con la possibilità di condividere con l'intera community i "profili custom" creati. 

 

Spostandoci nel campo delle soluzioni avanzate, Atooma diventa un potente piattaforma tecnologica che consente ai produttori di realizzare dispositivi e funzionalità veramente "smart" in grado di reagire in base al comportamento dell'utente (context-aware, ndA). E' in quest'ambito, quello dell'integrazioni e della personalizzazione del software sui vari device, che il team di Atooma punta a far cresce il proprio business.

Per saperne di più abbiamo intervistato direttamente Fabrizio Cialdea, CEO di Atooma Inc.

 FC img

 Buona lettura...