Pagine

Recensione scritta da Carlo Vena.

 

La tavoletta grafica è uno strumento di input, come può essere uno scanner, un mouse o una tastiera. Permette, grazie all’uso di un pennino o di una penna, o meglio di una Stylus Pen, di effettuare diverse operazioni. Io, come sapete dalle vignette che presento su Bits and Chips, sono interessato alla possibilità di disegnare che essa permette, ma può anche fare modellazione 3D, fotoritocco, scrittura digitale e molto altro.

xppen133 home

Sito ufficiale di XP-Pen

La Xp-Pen è una compagnia giapponese che ha spostato la sua sede in Cina dal 2015, ed specializzata in tavolette grafiche, tra cui diversi monitor con display a penna. Fa diretta concorrenza a Wacom, attualmente leader del settore. Mi ritrovo tra le mani la loro Artist 13.3 Pro. Si tratta di una tavoletta grafica con monitor di 13,3 pollici e penna passiva (che non richiede cioè batterie o altra alimentazione) con ben 8192 livelli di pressione e, cosa non da poco, sensibile all’inclinazione fino a 60°, caretteristiche che la rende molto attraente anche per un disegnatore semi-professionista.

Considerando che è sul mercato ad un prezzo decisamente interessante (è possibile trovarla su amazon a 299 euro), ciò non solo la rende idonea a chi vuole avvicinarsi per la prima volta alla grafica senza spendere cifre non giustificate a livello amatoriale ma, grazie alle caratteristiche tecniche elencate, potrebbe interessare anche ai profesisonisti del settore, andando a competere direttamente con le Wacom più costose.

Andiamo quindi a descriverne le caratteristiche e a vedere come si comporta nell’uso pratico.

 

Pagina ufficiale della XP-Pen Artist 13.3 Pro

Da sinistra a destra: XP-PEN Artist 12" PRO, XP-PEN Artist 13.3" PRO, XP-PEN Artist 15.6" PRO